ENRICO ZANCANARO

Mi presento:

Mi presento: sono Enrico Zancanaro e sono nato il 03 Gennaio 1987 a Rovigo; quel giorno la passione per la pesca già era scritta nel mio DNA. Mio papà Loris fin da piccolissimo mi ha sempre portato con se, trasmettendomi i valori che la pesca sportiva può offrire; mi ha coinvolto in diverse discipline: pesca in mare, pesca a spinning, pesca a mosca, trota lago e carpfishing. Durante le sue attività agonistiche in cui raggiungeva ottimi risultati, uno su tutti il Campionato Italiano Carpfishing nel 1998, io l’ho sempre seguito e supportato non da partecipante ma da spettatore; alla soglia dei miei 14 anni, il mio spirito agonistico (a quel tempo praticavo pattinaggio velocità) e la sua competitività, ci hanno portati a partecipare per la prima volta insieme ad una gara di pesca al Bass nello sfondo del “magico” canale Brian… ahimè senza un gran successo visto che in quell’esordio non abbiamo portato in pesa nemmeno un persico trota. Quello però fu IL GIORNO. Il giorno in cui partecipando con Loris, vedendo tutte quelle barche “con i brillantini”, le canne monopezzo abbinate a mulinelli da casting innescate con artificiali, spinnerbait, esche siliconiche con svariati colori e forme, i bass estratti dai livewell come trofei per essere portati in pesatura, l’adrenalina e la tensione che, ricordo perfettamente, si leggeva sui volti di chi stava gareggiando, ha scaturito in me un mix esplosivo di emozioni che ci ha travolti.

Ovviamente quello non è stato l’unico flop. Ne abbiamo collezionati molti altri, ma pian piano negli anni facendo esperienza e cercando di imparare dai pescatori più affermati, ci siamo rifatti alla grande raggiungendo ottimi risultati e togliendoci qualche soddisfazione anche nei migliori circuiti nazionali, diventando la prima coppia “padre e figlio” temuta dai migliori bassmen italiani.

Il tempo passa e Loris, spinto dalla curiosità riguardo le svariate applicazioni della pesca a spinning in acqua salata, inizia a dedicarsi a pieno alla pesca in mare; io continuo a sentire una forte attrazione verso il bassfishing e, con l’esperienza maturata insieme a lui inizio adintraprendere una nuova strada affrontando le prime gare con il mio già amico ed ora nuovo compagno di pesca Mattia Palli. Durante i primi anni, quelli di “rodaggio” , ci siamo dedicati alle competizioni con motore elettrico fino a quando, 3 anni fa, abbiamo deciso di partecipare al torneo che dà accesso al B.A.S.S. Federation Nation in U.S.A., il premio al quale tutti gli agonisti della pesca al bass ambiscono per inseguire quel “sogno” che ancor’oggi nessun italiano è riuscito a raggiungere: gareggiare al B.A.S.S. MASTER CLASSIC.

Nel 2015, io e Mattia (i giovincelli), ci troviamo ad un passo da questa grandissima possibilità ma purtroppo, per inesperienza e poca maturità, concludiamo il torneo in seconda posizione e con l’amaro in bocca ma carichi più che mai, il “sogno americano” diventa il nostro principale obiettivo. Anche negli anni successivi ce la mettiamo tutta e con grandissima soddisfazione concludiamo i campionati del 2016 e del 2017 al secondo posto, ad un soffio dal traguardo tanto inseguito: la possibilità di gareggiare in America.

In questi 3 fantastici anni, abbiamo comunque raggiunto grandissimi risultati anche in altre gare, tra i quali spiccano: la vittoria per due anni consecutivi (2015 – 2016) ed un terzo posto (2017) del torneo Nord Est Tournament Trail e due medaglie di bronzo nel 2015 e nel 2016 rispettivamente al Campionato Italiano a Squadre Motore a Scoppio nel canale Brian (secondi assoluti) e Campionato Italiano a Squadre Motore Elettrico nel Lago di Massaciuccoli (quarti assoluti). Tutti risultati molto gratificanti, sia dal punto di vista della soddisfazione personale, sia dal punto di vista tecnico. Gareggiando, infatti, sto imparando davvero tanto; sono sempre stato propenso a tutte le tecniche che si possono adottare, in quanto bisogna essere molto versatili ed essere in grado di adattarsi ad ogni situazione che si può trovare durante l’azione di pesca. Riguardo la tecnica, Cosa preferisco?! Molto difficile scegliere tra le molteplici sfaccettature, approcci e stili di pesca che può offrire il Bassfishing… direi tutte! Mi sento completo nella pesca in struttura (cover) e in particolar modo nel pitching e flipping con tutte le varianti possibili ed in ogni sua applicazione.

Penso che Pescare non sia solamente la cattura in sé,  ma l’insieme di tutte quelle cose e quei particolari che concorrono per arrivarci!